BLOG

Fai della Paganella dei campioni

Pubblicato il 9 Settembre 2019

Vi abbiamo già parlato di Luca Lechthaler, un campione ormai diventato uno di Paese (potete leggere l’articolo cliccando qui).

Oggi tocca a due personalità tra noi molto conosciute in termini di prestazioni atletiche: Yanez Borella e Enzo Romeri, che fra l’altro sono uniti tra loro sempre dallo sport.

Yanez e il suo viaggio

Foto Archivio APT Dolomiti Paganella

Yanez Borella, classe 1979, in paese più conosciuto come Jjeco: un atleta sin da bambino, ora accompagnatore di media montagna e maestro di snowboard.

Cresciuto tra le montagne non ha potuto non innamorarsi del paesaggio che lo ha sempre circondato. Quello che cerca di trasmetterci ogni giorno è un messaggio forte, lui è convinto e riesce a dimostrarci come la forza di volontà riesca a farci superare anche le situazioni più difficili.

Questo suo messaggio e l’amore per l’adrenalina lo hanno portato pochi mesi fa, a fare un viaggio in occasione dei suoi 40 anni: in bicicletta da Fai della Paganella fino in Cina, attraversando la Via della Seta, ossia la tratta di Marco Polo tra gli stati dell’Eurasia. Con lui il messaggio di ADMO, associazione italiana Midollo Osseo, un messaggio di altruismo e di dono.

Lui stesso ci racconta: “Dire Yanez senza montagna… non significherebbe niente”.

Yanez non lascia mai la Sua montagna: infatti ci racconta della sua avventura subito dopo aver terminato un’uscita in Paganella con un gruppo di ospiti.

Quest’anno ha comunque deciso di partecipare alla Dolomiti di Brenta Trail ottenendo un 13° posto con 5 ore e 36 minuti per la gara più corta di 45 km con 2800 metri di dislivello (la versione lunga è stata purtroppo annullata per condizioni meteo sfavorevoli).

Enzo Romeri, il re del Brenta

Foto Archivio APT Dolomiti Paganella

Fin da piccolissimo, Enzo aveva grandissime doti sportive. Tra noi ragazzi era sempre lui ad arrivare primo alla gara podistica del paese, la Ciaminada di Fai, con temi da record, battendo alle volte, anche gli adulti!

Perché lo chiamiamo così il re del Brenta? Semplice!

Per il tempo che lo ha portato ad essere vincitore della Dolomiti di Brenta Trail (64 km e 4200 metri di dislivello), edizione del 2018. Quest’anno ha ottenuto comunque un buonissimo risultato nella gara corta, aggiudicandosi la 5° posizione con il tempo di 5 ore e 23 minuti.

Quello che ci affascina di più della sua storia è che fino a qualche anno fa, camminare era per lui “faticoso”. Inizialmente ciclista, dopo una pausa dallo sport, Enzo si è lasciato andare ad ogni piacere culinario fino a che suo figlio gli ha fatto notare che qualcosa non andava con la sua “pancia da Babbo Natale”.

Lo caratterizza il suo spirito: la sincerità con cui dice che è tutta una questione di allenamento, oltre che di testa.

Enzo e Yanez si sono incontrati per caso una sera durante un allenamento per le vie di Fai della Paganella, ed è stato proprio Yanez a suggerirgli di competere alla Dolomiti di Brenta Trail!

A tutti gli eroi della Dolomiti di Brenta trail edizione 2019 facciamo i nostri complimenti, e a voi consigliamo di seguire i vostri sogni…
Perchè alla fine siamo tutti un po’ eroi se lo vogliamo veramente!

#campioni #dolomitidibrentatrail #EnjoyMiravalle